Tutti al mare

Diversi anni fa entrai in un negozio e comprai un cd soltanto perché aveva un titolo bellissimo. Gelaterie sconsacrate. Anche il disco era bellissimo, ed era stato scritto e suonato da una rock band di Livorno, i Virginiana Miller. Era talmente bello che mi fece venir voglia di scrivere un romanzo prendendo come titolo il finale di una loro canzone, Direttissimi altrove. Ne fui così contento che allora un giorno presi il telefono e chiamai il cantante di questo gruppo per dirgli grossomodo tre cose. Uno: avete scritto il disco italiano più bello degli ultimi vent’anni, e forse arrotondo per difetto. Due: io ho scritto un libro che si intitola quasi come una vostra canzone e spero che non vi offendiate. Tre: secondo me tu hai la stoffa dello scrittore.

Ci ha messo qualche anno, Simone Lenzi, ma alla fine il libro l’ha scritto. Si intitola La generazione, l’ha pubblicato BaldiniCastoldiDalai ed è un esordio straordinariamente forte e completo.

È capitato così di ritrovarci pochi giorni fa a presentare i nostri rispettivi libri a Calambrone, durante un weekend di incontri denominato Scritti sulla Sabbia. Proprio la sabbia immortalata dai Virginiana Miller in quell’istantanea capolavoro che è Tutti al mare. 

È capitato anche che ci siamo presentati entrambi all’incontro con una chitarra. Ma guarda che combinazione, penserete. Be’, non esageriamo, ci eravamo messi d’accordo per telefono.

È capitato così che alla fine della presentazione ci sia scappato il fuori programma. Eccolo qui.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...