Identikit

Ricordo per certo che da piccolo leggevo tonnellate di fumetti, ma nessun libro. Al Liceo Classico scoprii persone che, a quindici anni, si erano già confrontate non solo con Hesse, ma anche con Flaubert e Tolstoj. Dovevo darmi una mossa, mi dissi, e cominciai a leggere anch’io: Bradbury, Brown, Matheson, Asimov, King. Poi tornai indietro a Hogdson, Poe, Lovecraft. Poi in avanti, a Philip Dick. Dick è stato la “tana di verme” che mi ha catapultato verso autori lontanissimi dalla fantascienza ma capaci della stessa scrittura forte, essenziale ed evocativa: Chandler e Hammett, e poi il polar francese di Malet, Manchette, Daeninckx e Izzo. La paraletteratura, la chiamavano in Italia, ancora venti anni fa. Non si erano accorti che uno come Giorgio Scerbanenco, nonostante una specie di costante sforzo di conformismo e con gli strumenti artigianali della sua paraletteratura, aveva scarnificato la superficie del nostro boom economico forse in maniera meno sistematica, ma con la stessa incisività di un grande come Pasolini, con la stessa insofferenza di un irriducibile come Luciano Bianciardi.

Mi piacciono le storie e ho voluto imparare a tutti i costi come si fa a raccontarle, a prendere il lettore fin dalla prima pagina e a portarselo via.

Se questa passione oggi non è più scindibile dal lavoro, lo devo ad alcuni fortunati incontri e a qualche compagno di viaggio speciale. Primo fra tutti, Luigi Bernardi, una delle intelligenze più lucide del panorama editoriale italiano. E poi a scrittori come Carlo Lucarelli, Loriano Macchiavelli, Giancarlo De Cataldo, Eraldo Baldini, Giampiero Rigosi. Con tutti loro ho avuto la possibilità di confrontarmi e condividere idee e progetti. Fin da quando, in giorni non lontani (ma sembrano secoli), a credere nel futuro del noir e del giallo italiano non erano in tanti.

Per il resto, sono nato a Viareggio nel 1965. Oltre ai miei libri, scrivo soggetti e sceneggiature. Collaboro a quotidiani, come “Il Tirreno”, e a riviste su internet, come “Il Giudizio Universale”. Ogni volta che posso, mi occupo di occasioni di incontro sulla lettura e sulla scrittura.

Nel tempo libero che mi rimane, gioco a pallone assieme ad altri scrittori e sceneggiatori nell’Osvaldo Soriano Football Club. Talvolta in campo non sembriamo una squadra, ma fuori dal campo lo siamo, sempre.

Mi si può anche incrociare  sulla costa della Toscana, in qualche festa dal tasso alcoolico assolutamente irragionevole. Io purtroppo sono quello sobrio, che maneggia una Fender Stratocaster al fianco di Lella, Lore, Nick e Giordano.

Annunci

3 pensieri su “Identikit

  1. Carissimo Giampaolo,
    ti scrivo subito dopo la presentazione del tuo bel libro (che sono stato felicissimo di commentare insieme a te nella meravigliosa cornice di Bagno Vignoni).
    Se vai nel mio blog (e-Mercurius,di cui sotto) troverai un inedito commento di Sentinella.
    Raffaele Giannetti
    p.s.: troverai una scrittura ancora infarcita di classicismi e di una certa pedanteria (ma le storie sono storie e nessuno può scrollarsele di dosso).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...