Furio Guerri, il noir italiano, i cugini francesi

Se nel noir racchiudiamo invece i thriller all’americana e il giallo della torbida e sonnacchiosa provincia, allora sta benissimo, è in cima alle classifiche… Dall’ intervista che mi ha fatto Valerio Cattano sul sito… Continua a leggere

Vota:

6. Dove si impugna un telecomando insanguinato

Davanti al televisore, mi accorgo che il flusso ossessivo di tele-dibattimenti sull’omicidio di Melania o sulla scomparsa di Yara viene di norma interrotto dai consigli su come combattere la cellulite o da altre… Continua a leggere

Vota:

Una recensione in anteprima

Una recensione in anteprima

Fulvio Paloscia per Repubblica Firenze.

Vota:

5. Dove si torna in Italia e ci si tuffa sul divano

Massimo Carlotto sostiene da anni che i romanzi noir sono in realtà le inchieste che i giornalisti non possono più fare, minacciati come sono di cause legali (quando non di morte) e scarsamente… Continua a leggere

Vota:

Giusto una piccola deviazione…

Giusto una piccola deviazione…

Ho avuto due ore e quattromila battute per raccontare qualcosa sul Salone del Libro di Torino 2012 su “Il Tirreno”.

 

Vota:

4. Dove si indugia ancora fra i fiordi

Lo sappiamo, oggi sembra quasi obbligatorio leggere qualcosa di cui tutti parlano, giusto per non essere esclusi dalla conversazione in pizzeria. Nonostante questo, i lettori di Larsson non saranno stati privati del loro… Continua a leggere

Vota:

3. Dove si ritorna a nord, ancora più a nord

Millennium di Stieg Larsson è stato un successo editoriale capace di scalfire la dominazione dei thriller americani. Gli avvenimenti di partenza di Uomini che odiano le donne più o meno ve li ricorderete.… Continua a leggere

Vota:

2. Dove si passa da Hollywood e si vede il Partenone

Appena finisce uno di quegli incontri, i partecipanti si ficcano nella prima libreria per comprare Il borgomastro di Furnes di Georges Simenon. Un autore che non ha bisogno di me per incrementare la… Continua a leggere

Vota:

1. Dove si parte, una sera, dalle Fiandre

Quando mi chiamano a parlare di scrittura non amo lanciarmi in stucchevoli piroette del tipo “a un certo punto i personaggi decidono da soli cosa fare”. Mi pare di sentire Michelangelo che dichiara… Continua a leggere

Vota:

Quel senso di viaggio

In questi quattro anni ho incontrato spesso lettori che, bontà loro, mi chiedevano: ma quando esce il tuo nuovo libro? Quattro anni, nell’editoria odierna, sono come un’era geologica. Un lasso di tempo in… Continua a leggere

Vota: